Arrivano i video Youtube sugli annunci Google Ads

0

Se un’immagine vale migliaia di parole, immagina le storie che potresti raccontare con un video di 30 secondi. In effetti, oltre il 60% di chi compra online afferma che i suoi acquisti siano stati ispirati da video. Ed è per questo che abbiamo deciso di introdurre un video asset negli annunci display“.

Così, lo scorso Febbraio, Google annunciava le novità che avrebbero invaso il sistema Ads.

D’altro canto, una rivoluzione che si considerava già annunciata, visto il successo riscosso dal formato video in tutti i campi possibili, dal marketing all’entertainment più generico.

Ma come funziona esattamente?

Annunci personalizzati

In sostanza, tutti coloro che si avvalgono del Google Display Network per creare i propri annunci Responsive Display, potranno forgiare da zero – ed in maniera automatizzata e del tutto personalizzata – le proprie Ad inserendo anche brevi video (fino a 5) presenti sul canale YouTube; il tutto, ovviamente, conservando la possibilità di sempre di inserire anche slogan, testi ed immagini e di mixare tutto nella maniera più consona e fedele alla propria idea di marketing e alle proprie esigenze.

La comunicazione apparsa nella sezione “support“, però, conteneva anche altre due novità:

  1. i combinations report (report delle combinazioni) – uno strumento fresco fresco di rilascio, che permette di confrontare le performance delle varie Ad create per scoprire la più potente (e scartare/modificare le altre);
  2. l’Ad strenght scorecard (inteso come “punteggio di forza pubblicitaria”) – una misura del numero e della qualità dei vari elementi implementati nella campagna (testi, immagini etc) che offre anche dei “consigli” di miglioramento; insomma, una sorta di guida, di assistenza automatica che aiuti anche i meno esperti in questa delicata fase di messa all’opera prima della pubblicazione delle inserzioni. La valutazione, infatti, è estemporanea e si occupa di controllare che siano stati già inseriti headline, immagini e testi unici in numero ottimale.

 

Lascia una risposta