I podcast in ascesa: perché hanno tanto successo?

I motivi alla base della diffusione dei podcast

0

Sono ormai diventati una vera e propria moda. Si ascoltano mentre si va a lavoro, in metropolitana o anche durante l’attività fisica. Di cosa stiamo parlando? Dei podcast, ovvero dei programmi audio pubblicati su internet sulle diverse piattaforme di streaming.

Si tratta di un’innovazione che negli ultimi anni si è diffusa in maniera capillare: solo in Italia, secondo i dati del 2019, coloro che ascoltano i podcast si aggirano intorno ai 12 milioni.

Ma cos’è nello specifico un podcast e quali sono i motivi del suo successo?

Cosa sono e come funzionano i podcast

Il termine risale ad un articolo pubblicato su The Guardian dal giornalista Ben Hammersley, il quale è stato il primo a definire il fenomeno di registrazione di file audio mp3 direttamente su supporti digitali.

Tuttavia, il podcast come lo si intende oggi nasce solo nel 2014 con la pubblicazione di “Serial”, da molti considerati uno dei pionieri del fenomeno. Pochi anni dopo, in seguito alla loro diffusione su piattaforme di streaming come Spotify o iTunes, i podcast hanno subito una rapida espansione tra il pubblico.

A differenza dei programmi radiofonici, questa tipologia di media è molto più fluida. Un podcast infatti non ha tempi prestabiliti, anche se spesso ogni puntata è basata su un argomento specifico. Ad oggi si possono trovare tanti canali, ognuno dei quali affronta temi differenti: moda, attualità, sport, arte, cultura, tecnologie.

I motivi alla base del successo dei podcast

Bastano alcuni numeri per capire quanto questo fenomeno mediatico sia ormai radicato nel mondo intero: nel 2020 sono state circa 485 milioni le persone che hanno ascoltato podcast regolarmente, cifra che secondo gli analisti è destinata a salire fino a 800 milioni entro il 2025. Tra le fasce di età più interessate dal boom ci sono i giovani, come si evince dalle interviste effettuate negli Stati Uniti in cui è emerso che tra i giovani con età compresa tra i 26 e 35 anni la percentuale di coloro che ascoltano podcast è pari al 44%.

Un ulteriore dato che testimonia il successo è quello relativo alla durata media dell’ascolto, che nel 2020 è salita da 23 minuti a 25 minuti.

Ma quali sono i motivi di questa ascesa? I podcast sono media dal basso che mirano a stabilire un rapporto confidenziale con l’ascoltatore, diversamente da quanto avviene ad esempio in radio. Il ruolo dei podcaster (i creatori di contenuti audio) è infatti differente rispetto a quello di uno speaker radiofonico, poiché nel primo caso l’atteggiamento è decisamente più rilassato e più aperto al dialogo con chi è in ascolto, elemento che influisce anche sulle caratteristiche dei format. Insomma, l’interesse nei confronti dei podcast è cresciuto grazie ad una semplicità che nessun altro media offre.

Negli ultimi anni le tecniche di riproduzione del suono sono nettamente migliorate e ascoltare un podcast con qualità audio elevate è un’esperienza sorprendente, capace di attirare l’ascoltatore indipendentemente dal contenuto del programma. Il tema trattato ovviamente non è affatto secondario, ma una buona qualità del suono può fare la differenza ed è senza dubbio tra i motivi alla base del successo di questo medium.

Conclusione

Il fenomeno non è transitorio, ma è destinato a crescere. La rivoluzione apportata nel mondo della comunicazione è infatti radicale e l’interesse crescente dei giovani dimostra che i podcast saranno sempre più i protagonisti delle nostre giornate.

Lascia una risposta