Come migliorare la User Experience del tuo sito

Come ottimizzare l'esperienza utente

0

Quando si è in possesso di un sito, e al giorno d’oggi, con la situazione sanitaria mondiale in corso che ha fermato gli spostamenti, molte persone in più rispetto al passato ne hanno uno, non si può fare a meno di pensare agli utenti di quest’ultimo, che sono acquirenti in potenza del brand di cui il sito narra.

Per questo motivo è impossibile non dare la giusta attenzione alla User Experience.
La User Experience, nota come esperienza d’uso, abbraccia tutti i campi di interazione tra l’uomo e l’oggetto, in questo caso il sito. La UX, così è anche chiamata, si pone l’obiettivo di porre al centro la persona, con lo scopo di conoscere il funzionamento della sua mente, scoprendo i suoi interessi, dove cade la sua attenzione e cosa la emoziona. E ciò lo fa grazie a una approfondita analisi, un’adeguata progettazione e una grande valutazione.
Rientrano perciò, tra le discipline necessarie per la User Experience, la psicologia, l’architettura dell’informazione, l’usabilità e l’interazione uomo-macchina.

Come migliorare la User Experience del proprio sito

Per migliorare una User Experience che non risulta pienamente soddisfacente, perciò, bisogna fare perno su tutti gli elementi ivi esposti e attuare quindi un controllo multidisciplinare sulle varie fasi necessarie.
Si va perciò a incrementare l’analisi della propria audience, scoprendo quindi il target al quale ci si rivolge e tutti i segmenti di utenza da tenere in considerazione, per scoprire di cosa tutti loro hanno bisogno.
Si deve passare quindi in seguito alla fase strumentale, vale a dire alla fase necessaria per procedere poi con la vera e propria progettazione. Questa consiste nell’analisi delle task e nell’approfondimento delle personas e degli scenari.
E si continua perciò con la valutazione, che si scinde in euristica e funzionale, per studiare le criticità nelle quali si potrebbe incappare e i risultati da ottenere in un periodo definito di tempo.
Arrivando alla fase della progettazione, questa serve per progettare una strategia che tenga conto di quanto appreso sul proprio pubblico.

A ciò va ovviamente aggiunto un caricamento veloce e tanti altri elementi che rendono davvero l’esperienza pratica piacevole al punto tale da proseguirla e da ritornarci.
Perciò è necessario che la navigazione stessa sia intuitiva, che il sito sia responsive e quindi utilizzabile da ogni dispositivo e l’eliminazione di tutto il superfluo.
L’utente infatti desidera che un sito sia pulito, soddisfacente e per niente confusionale. Perciò è necessario l’utilizzo di una grafica pulita, di un testo semplice e chiaro e delle icone decifrabili, alternate a call to action ben posizionate e molto palesi.

In questo modo il sito dovrebbe raggiungere una usabilità degna di navigazione.

Lascia una risposta