La stampa 3D arriva nei box della Yamaha

0

Funziona come una stampa eppure non lo è a pieno titolo, almeno non come l’abbiamo intesa noi negli ultimi 20 anni.

La stampa 3D, infatti, realizza oggetti tridimensionali mediante il cosiddetto processo di produzione additiva (che mira a unire e fondere materiali diversi proprio allo scopo di fabbricare oggetti da modelli tridimensionali), partendo da un modello 3D digitale.

Tantissimi gli impieghi che l’hanno vista protagonista, dal settore alimentare a quello spaziale, non senza contare quello medico o edilizio: ci sono case che vengono interamente “stampate” proprio grazie a questo tipo di procedura.

Non ci è voluto molto, insomma, per arrivare anche ai motori: pioniera in questo campo, perlomeno a livello di motomondiale, è la Yamaha.

Mondiale Supersport: Mark One e GRT Yamaha

È iniziata questo febbraio la ventesima edizione del campionato mondiale Supersport.

Al di là della gara, però, la novità assoluta è entrata nei box: Mark One, azienda di Cesena specializzata nello sviluppo e nella produzione di stampanti 3D professionali, infatti, ha inserito uno di questi dispositivi proprio tra gli strumenti utilizzati dalla squadra italiana, attraverso una partnership stretta con il team ufficiale GRT Yamaha.

I vantaggi? Tantissimi.

Innanzitutto, la possibilità di realizzare, in tempo reale, componenti assolutamente personalizzate da montare sulle moto in gara, abbattendo i costi ed i tempi di produzione, agevolando, così, il lavoro di squadra.

Un elemento da non sottovalutare, soprattutto quando si parla di oggetti che non vanno prodotti in serie e che hanno bisogno di specifiche modifiche da apportare, di volta in volta, prima dell’implementazione.

Ci avevano già pensato Porsche, quando ha ufficializzato l’adozione della stampa 3D per produrre ricambi per auto d’epoca o per veicoli limited edition, e Bugatti, quando ha presentato la prima pinza freno realizzata proprio in questa stessa modalità, ispirandosi a ciò che la Bugatti Chiron avrebbe necessitato, montando delle pinze freno forgiate in un unico blocco di lega di alluminio ad alta resistenza, le più grandi attualmente installate su un’auto di serie.

Sorge spontaneo chiedersi, a questo punto, il prossimo futuro cosa sarà in grado di offrirci!

Lascia una risposta