LinkedIn non serve solo per le assunzioni

Tutte le funzionalità del social

0

Lanciato nel 2003, LinkedIn è uno dei social più diffusi per la condivisione di contenuti relativi al mondo del lavoro. Negli anni questa rete commerciale ha aiutato milioni di persone a mettersi in contatto per cercare un impiego. Nel 2021 il sito ha registrato più di 800 milioni di utenti, di cui 16 milioni in Italia, dove il social si attesta come il quinto più utilizzato in assoluto.

Tuttavia, molti utenti non sanno che LinkedIn non è solo una rete di contatto per le assunzioni, ma nasconde anche altre funzioni che possono risultare molto utili. Andiamo a scoprire insieme quindi quali sono le potenzialità di questo social.

LinkedIn: una storia di successo

LinkedIn può essere considerato a tutti gli effetti il primo social network del web. Infatti esso è nato ben due anni prima di Facebook, nel 2003, grazie al visionario Reid Hoffman e ad un gruppo di amici sviluppatori. In realtà prima della sua nascita, già furono create alcune piattaforme, ma nessuno di queste riuscì ad avere una diffusione su larga scala.

La storia di LinkedIn è invece una storia di successo: a fronte di una partenza lenta, raggiunse il milione di utenti nel giro di un anno. Nel 2011 il social si quotò in borsa e nel 2016 la società venne acquistata da Microsoft.

Sebbene sia nato come social per mettere in contatto domanda e offerta di lavoro, LinkedIn possiede una serie di ulteriori funzioni che possono essere molto utili per i professionisti e per le aziende.

Le funzioni di LinkedIn

Essendo a tutti gli effetti un social, LinkedIn deve essere utilizzato come rete di comunicazione su cui è anche possibile creare contenuti. Ed è proprio questo il punto di forza di un buon profilo LinkedIn, ovvero la capacità di essere costantemente aggiornati e soprattutto la capacità di saper creare un profilo in grado di raccontare una storia.

Utilizzare LinkedIn in modo efficiente può essere un ottimo metodo per un’azienda per allargare la propria rete di clienti. Non è un caso che il 91% dei marketer preferisce questo social per accedere a contenuti di qualità. Ecco perché è opportuno scoprire alcune funzioni che offre, come ad esempio la pagina aziendale.

L’importanza della pagina aziendale

LinkedIn fornsice anche la possibilità di creare delle pagine aziendali, le quali sono caratterizzate da una serie di fattori che le distinguono dalle pagine di profilo personale. La pagina aziendale infatti è pubblica e permette di:

  • Creare campagne di sponsorizzazione: si tratta di campagne pubblicitarie a pagamento con le quali è possibile diffondere ancora di più i propri contenuti;
  • Accedere a statistiche del profilo: consultare i dati del proprio profilo quotidianamente è un ottimo metodo per valutare l’andamento della propria attività
  • Aprire pagine-vetrine: si tratta di sottopagine utili per esporre prodotti e servizi;
  • Avere più amministratori.

LinkedIn e il Content Marketing

Per sfruttare al meglio il social è necessario investire in strategie di Content Marketing, ovvero nella realizzazione e pubblicazione di contenuti di valore relativi al proprio settore. Una buona strategia inizia da un piano editoriale efficace formato dai temi che si andranno a trattare in un dato periodo di tempo.

Nella redazione dei post è fondamentale seguire tutte le regole SEO. Il termine sta ad indicare Search Engine Optimization e riguarda l’insieme di tutte le tecniche da utilizzare per migliorare l’ottimizzazione dei propri contenuti al fine di aumentarne la visibilità.

Per ogni post sono disponibili circa 1300 caratteri e per accrescere le visualizzazioni è fondamentale postare contenuti abbastanza lunghi poiché questi ricevono una visibilità 10 volte maggiore rispetto ad un contenuto breve. Inoltre è importante anche inserire link nel primo commento, in maniera tale da permettere agli utenti di restare sul post il più a lungo possibile.

Il Content Marketing su LinkedIn è facilitato dalla presenza di una serie di funzioni. Ad esempio il servizio LinkedIn Pulse mette a disposizione uno spazio di content writer mentre invece LinkedIn Story consente di pubblicare contenuti temporanei della durata di 24 ore.

 

 

Lascia una risposta