Raccontare un brand: l’arte dello storytelling

0

Storytelling: 7 consigli su come emozionare il cliente.

Le aziende ed i loro prodotti non sono solo sul mercato per essere venduti, ma anche per creare delle aspettative. Sono proprio le aspettative che creano un legame tra consumatore e produttore, tra utilizzatore e prodotto. In un modo o nell’altro il cliente va “spinto” verso una direzione; in questo caso si utilizza la pubblicità tradizionale che serve a convincere (passateci il termine) che il prodotto X è meglio di quello Y. Ma non è tutto quello che c’è da fare nel variegato e complicato mondo pubblicitario.
Spesso ci si affida ad un’azienda non solo per i suoi prodotti ma anche per la sua storia e per la sua filosofia, quindi è bene saper raccontare questa storia nel migliore dei modi.

Cos’è lo storytelling di un prodotto o di un’azienda?

E’ una storia aziendale, capace di suscitare emozioni, spiegare i perché, illustrare i come e invogliare chi compra o chi fruisce di un servizio a scegliere quell’azienda. Può essere realizzato in vari modi, ma di solito viene scelto il supporto video/audio o quello stampato. Ovviamente la cura che viene data alla narrazione è altissima; passo dopo passo si deve raccontare un’azienda attraverso una storia che coinvolga e susciti emozioni in chi la legge. Non si raccontano bugie, quello non è fare storytelling e non è neanche pubblicità!
Si prendono le reali caratteristiche e la vera identità aziendale e si “romanza”.
Un esempio su tutti è quello che anni fa veniva fatto da una famosa trasmissione televisiva italiana: Il Carosello. Qui i brand venivano racconta con delle storie che coinvolgevano i telespettatori e li tenevano incollati allo schermo.

Che differenza c’è tra la tradizionale comunicazione pubblicitaria e lo storytelling?

Lo storytelling è ben differente dal creare una campagna pubblicitaria; il lavoro è molto diverso.
Come dicevamo prima non si deve convincere la coinvolgere l’utente, facendogli vivere in prima persona le emozioni che siete pronti a condividere. La sua storia deve essere anche la tua e deve stimolare l’immaginazione e far sognare.

Riassumendo, un buon storytelling rispetta queste 7 regole:

  1. Suscita emozioni legate sia al prodotto che all’azienda.
  2. Fa uso dei sensi per descrivere
  3. Crea nella mente dell’ascoltatore una concezione nuova che prima non vedeva
  4. E’ legata ai valori che si vogliono trasmettere
  5. Non convince ma coinvolge
  6. Attiva il pensiero laterale (visione da diverse angolazioni)
  7. E’ semplice da ricordare


E tu? Hai altri consigli per la realizzazione di un buon storytelling?

Lascia una risposta