Cos’è la call to Action: esempi e consigli utili

Per Call to Action si intende la frase o il pulsante che invita gli utenti a compiere un’azione su di una determinata pagina web. Ma come realizzarla in modo efficace? Scopriamolo insieme.

0

Per Call to Action si intende la frase o il pulsante che invita gli utenti a compiere un’azione su di una determinata pagina web. Si tratta di un elemento che sta diventando sempre più essenziale all’interno del mondo del web marketing. Infatti le call to action sono a tutti gli effetti strumenti di marketing che possono essere di grande aiuto in termini di conversione. Esistono diversi tipi di CTA, motivo per il quale in questo articolo cercheremo di approfondire i vari esempi. Infine, daremo anche una serie di consigli utili per utilizzare al meglio questo strumento.  

Call to action: cos’è

La call to action è un fattore che si sta diffondendo sempre di più, dati i grandi vantaggi che questo strumento è in grado di fornire in termini di marketing. Si tratta di un messaggio semplice, che spesso si trova su un bottone a colori, volto ad incentivare gli utenti a compiere una determinata azione. Può essere inserita sia sui siti web, ma anche sulle piattaforme social, le newsletter, i blog e le landing page. 

Ovviamente, lo strumento di per sé non garantisce un successo automatico. Per ottenere risultati concreti attraverso una CTA è necessario seguire alcune regole, ovvero dei piccoli accorgimenti che però possono essere molto importanti per attrarre l’attenzione degli utenti. 

CTA standard e CTA creative

Una prima differenza da fare è quella tra CTA standard e creative. Le prime sono le più diffuse e hanno il vantaggio di essere intuitive. Una CTA standard, come ad esempio “Scopri di più”, permette all’utente di capire immediatamente il messaggio per compiere l’azione. 

Tuttavia, c’è da dire che queste tipologie, essendo ormai prevalenti nel web, risultano essere anche abbastanza noiose: applicare un messaggio standard sulla propria pagina social o sul proprio blog rischia di uniformare la piattaforma a tutte le altre. La mancanza di originalità, infatti, può portare gli utenti a non prestare attenzione. In questo caso, possono essere molto efficaci le call to action creative, ovvero dei messaggi in cui impiegare al massimo la propria fantasia. Anche per questa categoria, però, bisogna fare attenzione ad alcuni fattori. In particolare, bisogna stare attenti a non rendere troppo criptica la CTA, altrimenti si rischia di ottenere l’effetto contrario a quello desiderato. 

Come realizzare una Call to action

Fatta la distinzione tra CTA standard e CTA creativa, è necessario capire quali sono le regole per realizzare una call to action efficace. In generale, bisogna avere ben in mente qual è il prodotto o il servizio offerto e il bisogno della persona, e sulla base di questi due fattori bisognerà adottare un tono adeguato. 

Per capire nello specifico quali sono gli elementi fondamentali di una CTA, analizziamo insieme alcuni esempi di grande successo, partendo da quella della piattaforma streaming più importante al mondo, ovvero Netflix. Il colosso americano ha posizionata la CTA nella parte alta della pagina, chiamata above the fold. Non è affatto una scelta casuale: posizionare nel posto giusto il messaggio può fare la differenza per l’utente.
Per quanto riguarda il copy, è da notare lo stile dei messaggi, i quali rendono gli utenti i padroni delle loro azioni. Ecco quali sono:

  • Guarda gratis
  • Puoi provare il servizio per 30 giorni
  • Disdici quando vuoi

L’importanza di creare interazioni con le CTA

Le CTA interattive consentono di coinvolgere gli utenti, aumentando le possibilità di far compiere loro le azioni desiderate. Un esempio tipico di una CTA interattiva è il codice sconto. Questa soluzione, adottata da tanti marchi importanti, come ad esempio Satyspay, può essere anche modificata per renderla ancora più efficace. In particolare, l’app sopra citata consente di creare e personalizzare il codice sconto. 

CTA per e-commerce

L’ultimo esempio da trattare è quello delle CTA dell’e-commerce. In questo caso, i messaggi più diffusi contengono il verbo visitare e il perché è facilmente intuibile. Comprare un oggetto o un capo d’abbigliamento online non consente di vederlo da vicino e di apprezzarne la qualità. Una CTA con il messaggio “visita” (soluzione adottata da Zalando) rende l’esperienza di acquisto più viva. 

Lascia una risposta