3 buoni motivi per investire in digital marketing immobiliare

0

ll marketing digitale è il modo migliore per far emergere le agenzie immobiliari da un mercato ormai saturo

Ecco tre buoni motivi per investire in digital marketing immobiliare

Ottimizzazione dei costi per il marketing

Grazie al video marketing è possibile realizzare campagne molto efficaci e, spesso, a basso costo.

Un’altra agenzia australiana, Gary Peer Real Estate è riuscita a qualificarsi come leader del settore grazie a un utilizzo estremamente efficace del canale YouTube: ogni settimana viene caricata una puntata del suo show chiamato GPTV in cui si parla delle ultime notizie sugli immobili in vendita, di aste e di aggiornamenti relativi al mercato Real Estate.

Ma questo non è l’unico modo in cui si può sfruttare il video marketing: è possibile anche creare video che mostrano gli interni e gli esterni delle case in vendita (i “video tour”), magari utilizzando un drone per aumentare l’impatto.

Generazione più veloce di nuovi lead

Un lead è una persona che ha mostrato interesse per i prodotti o i servizi offerti da un’azienda, magari perché ha compilato un form o si è iscritto a una newsletter. I lead sono essenziali all’interno di qualsiasi strategia di marketing online.

Attraverso il content marketing e, più nello specifico, attraverso il blogging, è possibile generare in modo facile e costante nuovi lead, che verranno attratti al tuo sito perché pubblicherai blog post incentrati su argomenti di loro interesse.

Uno dei blog immobiliari più letto negli Stati Uniti è Zillow. I post sono incentrati su argomenti diversi, ma che ruotano tutti attorno al macro argomento “case”.

Creazione di engagement e rafforzamento della brand reputation

Anche per il settore immobiliare, come per qualsiasi altra tipologia di business, i social media sono fondamentali per creare engagement (ovvero “coinvolgere” gli utenti allo scopo di creare un legame forte con il brand, in modo da incrementare il numero di potenziali clienti e favorire il passaparola).

Le agenzie che sono riuscite a sfruttare in modo efficace i canali social sono tantissime: ad esempio, l’agenzia immobiliare australiana Brad Bell Real Estate, con sede a Brisbane, è riuscita a creare una community online, The Hub 4122, dove vengono postate notizie locali, eventi e guest post che sono ampiamente condivisi su Facebook e Twitter dai follower dell’agenzia.

Grazie a questa tattica di social media marketing, Brad Bell Real Estate è riuscita a porsi in modo efficace come un’autorità nel settore Real Estate di Brisbane.

Oltre a Twitter e Facebook, altri social attorno ai quali vale la pena pianificare una strategia social sono Instagram e Pinterest, perfetti per postare le foto degli immobili in vendita.

Lascia una risposta